Porta i bimbi alle Hawaii

Ad eccezione di assassini, trafficanti di organi e uomini che indossano i fantasmini, tutti meritano un viaggio alle Hawaii. Almeno una volta nella vita. Le mete “tradizionalmente” paradisiache non sono le mie preferite ma le incantevoli isole a ovest degli States sono capitate sulla mia rotta quasi per caso e hanno scardinato con un piede di porco tutti i miei pregiudizi sui luoghi da cartolina. Eppure quello alle Hawaii resta per molti un viaggio da sogno (nel senso che ci si limita a sognarlo e non lo si fa mai). Le ragioni principali sono due:

Le Hawaii sono lontane
E’ così. Dall’Italia ci vuole un volo con due scali e circa 24 ore. TUTTAVIA non sono più lontane della Nuova Zelanda o dell’Australia (meta che invece molti raggiungono senza pensarci troppo…) E’ qualcosa che si può affrontare con una certa serenità. Il volo è dall’Europa alla costa ovest e da lì altre 5 ore. All’andata si è sorretti dall’adrenalina, dunque non ci sono problemi. Al ritorno si può sempre “spezzare” il viaggio, facendo una tappa di un giorno a San Francisco o Las Vegas, prima di tornare a casa. E poi, non dimentichiamoci che “Il viaggio è la meta”🙂

Le Hawaii sono care
Non starò a dire che per un volo Bologna-Honolulu c’è RyanAir. Difficilmente si vola con meno di mille euro. TUTTAVIA organizzandosi (ovvero prenotando con alcuni mesi di anticipo) si può restare attorno a questa cifra, senza superarla. La grossa spesa è questa; una volta arrivati, in tutte le isole c’è un’offerta di alloggi, ristoranti e spostamenti alla portata di tutte le tasche. E in generale si spende quanto negli Stati Uniti (ovvero sempre meno che in Europa)

Le Hawaii sono il paradiso dei surfisti… ok, ma chiunque può costruirsi la sua vacanza su misura, anche se non ha mai messo piede su una tavola e non gliene potrebbe fregare di meno di iniziare. Lo so per esperienza, facendo parte di questa categoria. Ma soprattutto, lo dico per Roberta che ha introdotto il tema, le Hawaii sono un posto bellissimo dove portare i bambini!
Per diverse ragioni: 

La “metropolitana” Honolulu
A Honolulu, si può fare il bagno in tutta tranquillità, perché la spiaggia di Waikiki e “schermata” da frangiflutti, si può fare un giro in sottomarino o con la tradizionale canoa (si va in gruppo e con l’istruttore, così è sicuro e più economico).  A Honolulu c’è anche il famoso Bishop Museum, che io non ho visto ma ho letto che ha itinerari per bimbi sulle scienze naturali e sulla cultura hawaiana.

La natura 
L’isola di Big Island ha alcune cose meravigliose per i piccoli. Innanzitutto il parco nazionale dei vulcani Mauna Loa e Kilauea. Dalle foto sembra uno spettacolo spaventoso, ma lo show della lava si guarda sempre da molto lontano e intorno alla zona vulcanica c’è una bellissima (e umidissima) foresta del tipo “pluviale”; liane, enormi felci e fiori mai visti. Inoltre a Big Island c’è il Pu`uhonua O Hōnaunau, che solitamente diverte i bambini anche solo per il nome. Qui è riprodotto uno storico villaggio polinesiano (con tanto di capanne e spaventose maschere in legno). Bellissimo e…dall’atmosfera magica. Non a caso è un luogo sacro, dove è vietato fare il bagno. 

Gli animali 

 Nella zona sud di Big Island si trova la spiaggia nera di Punaluʻu, che è uno spettacolo di per se’ ma soprattutto per le enormi tartarughe che ci polleggiano. Se le tartarughe sono troppo lente e i bimbi vogliono qualcosa da più “rock”, all’Ocean Center di Maui si può anche… dormire con gli squali (informarsi sulle date perché non credo sia possibile farlo tutti i giorni)

Per un più semplice snorkeling, le spiagge kid-friendly sono Hanauma Bay (Oahu), Kealakekua Bay (Big Island) e Hulopoe Beach (Lanai).
Il sogno
Tutte le isole sono state set di film e telefilm, vecchi e nuovi. A Oahu è stato girato Lost, tanto per dirne una e c’è ancora la villa di Magnum PI (purtroppo non visitabile). Nell’isola di Kauai organizzano veri e proprio “Movie Tour” lungo i set naturali di Tropic Thunder, Pirati dei Caraibi, Jurassic Park… o il meno avventuroso Paradiso Amaro con Clooney. Non me ne vogliano gli operatori, ma non credo sia davvero necessario acquistare uno di questi tour per sentirsi in un film. Le Hawaii sono indimenticabili per l’atmosfera serena e rilassata che si respira in ogni angolo, per la tranquillità delle persone, per il clima un po’ capriccioso (ogni pomeriggio fa una pioggerella, soprattutto nelle coste est delle isole) ma sempre mite, per l’inesprimibile spirito di Aloha, che… come tale non si può esprimere ma c’è. Si sente e non si dimentica.

Risorsine on line per andare alle Hawaii con i bambini:
La trasmissione “In viaggio coi bambini” in onda su Sky ha dedicato diverse puntate alle Hawaii 

Qui il reportage del mio viaggio… 

4 thoughts on “Porta i bimbi alle Hawaii

  1. Non conoscevo la trasmissione di Sky, interessante! Ci mancano solo quei 5000 euro, insomma… Dopo i 5 anni i bambini pagano praticamente intero :-/Comunque in questo post c'è una lacuna: mancano riferimenti a Lilo e Stitch, uno dei cartoni (e libri) preferiti di mio figlio :-)http://it.wikipedia.org/wiki/Lilo_%26_StitchPensa che ho pure un'amica con tre figli che vive a Maui!!!Peccato che mio marito rientri in una delle categorie 'escluse'…🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...