Dove ho dormito negli Stati Uniti

Motel 6 – Come descrivere il Motel 6? Sono l’emblema dei viaggi on the road negli Stati Uniti. Lo standard “standardizzato” delle camere regala una sensazione di familiarità che, in fondo, fa anche piacere quando si è sempre in movimento. Sono motel economici anche se i prezzi variano a seconda della località. Con poche eccezioni, sono puliti e alcuni hanno anche la lavanderia a gettoni.

New York Dexter House – Pessimamente recensito su Trip Advisor, (soprattutto dai viaggiatori italiani che, anche quando micragnano sul quattrino, si lamentano che tutto fa schifo) effettivamente questo hotel non merita molto. Stanze piccolissime, umide e su tutto un gran puzzo di candeggina. I lati positivi sono che costa poco ed è in pieno centro di Manhattan. Central Park si raggiunge quasi a piedi…Non lontano, una panetteria con muffin e briosche enormi e indimenticabili.
New Orleans Olivier House – Un hotel trovato per caso, tra i pochi abbordabili nel French Quarter. Vicinissimo a Bourbon Street, è romantico, un po’ retrò, poeticamente decadente, perfetto per calarsi nell’anima di Big Easy. La colazione non è compresa, noi abbiamo scelto un delizioso internet cafè con torte fatte in casa.
San Francisco Grant Hotel – Posizione centrale, buon hotel e buon prezzo, si trova tra Union Square e il quartiere cinese. La colazione al volo ma buona. A chi interessa il genere c’è vicino un locale di spogliarelli gay.
HonoluluWaikiki Beach Side – Avevamo prenotato su Booking un hotel vicino alla spiaggia, ma non speravamo fosse così vicino. Basta attraversare la strada e si ha sotto i piedi la spiaggia di Waikiki. La nostra camera era piccola e poco arieggiata ma confortevole. Per colazione poche cosa ma buone; piccoli muffin, squisito caffè hawaiano e succo di ananas.
Captain Cook (Big Island) Da third house – Un B&B con una sola camera ricavata da una dependence. Si entra dal garage e questo non è bello. La stanza carina e ben tenuta (anche se non tutto è nuovissimo) ha una vetrata che da’ sul bellissimo giardino selvatico nel quale di fa colazione. La padrona di casa Gina, con l’inseparabile Daisy, prepara una colazione abbondantissima, latte, frutta, cereali, muffin fatti in casa, caffè, yogurt. Qui abbiamo imparato che alla Hawaii ci si toglie le scarpe prima di entrare in casa…
Honokaa (Big Island) Waipio Way Side Bellissimo ma non il più economico.  E’ una villetta arredata benissimo, ci sono libri, completi da letto patchwork e oggetti particolari ovunque. E’ un Eco-B&B, tutto è biologico, ci sono i bidoni per la differenziata etc. Si fa colazione tutti insieme, a proprietaria Jacqueline è molto simpatica e alla mano. La gatta Sweety invece meno…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...