Il Rickshaw, il miglior amico del turista in India

Il motorisciò. Anzi il Rickshaw. È il più diffuso, popolare, economico, semplice e inevitabile mezzo di spostamento nei centri indiani. Consiste in un’Apecar modificata e il prezzo medio di una corsa è 50 rupie, meno di un euro. L’autista di motorickshaw di solito è anche una guida improvvisata e si offre di farvi fare dei sightseeing. Se ne trovate uno dall’aria affidabile e non troppo insistente (sono rari ma ci sono….) potete accettare, a patto di concordare in anticipo il prezzo e non farvi portare in negozi e bazar.

Esiste anche la versione Ciclorisciò, delle bici con rimorchio “trainate” da un indiano, di solito macilento. Su questi Massi e io abbiamo avuto un confronto di opinioni; lui sosteneva che per queste persone il Ciclorisciò è uno strumento di lavoro e fonte di guadagno. Io però sono in difficoltà psicologica all’idea che un essere umano debba faticare per trasportarmi. Ne abbiamo preso uno solo, ci siamo offerti di scendere durante una salita e gli abbiamo lasciato una lauta mancia
Gli indiani amano il motorickshaw. Al punto di inventare dei veri e propri Rickshaw Challenge, con percorsi interessanti e avventurosi attraverso il Subcontinente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...